Area riservata

Inserire username e password per accedere all'area privata

o se sei un un nuovo utente, clicca qui per registrarti

Minimo 5 caratteri

Minimo 8 caratteri

RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA – Agg. al 30.01.2019

30 gennaio 2019

RIFIUTO DEL LAVORATORE AL DISTACCO: COMUNICARE LE MOTIVAZIONI NON È OBBLIGATORIO

Con la sentenza n. 32330/2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che nel distacco è richiesto il consenso del lavoratore solo qualora il provvedimento “comporti un mutamento di mansioni” rispetto a quelle già svolte presso il soggetto distaccante.

Ne consegue che il lavoratore distaccato deve far presente al datore di lavoro il proprio rifiuto, ma non è tenuto a rendere note le ragioni del diniego.


RITARDARE LA GUARIGIONE DALL’INFORTUNIO CON ALTRA ATTIVITÀ LAVORATIVA? LICENZIAMENTO LEGITTIMO

Con la sentenza n. 32600/2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che l’infortunio non esclude la possibilità di svolgere un’altra attività lavorativa, a condizione che questa attività non determini un ritardo nella guarigione o un aggravamento.

È dunque legittimo il licenziamento del lavoratore che ritarda, con un’ulteriore attività lavorativa, la propria guarigione.


INFORTUNIO SUL LAVORO: NECESSARIO LE SPECIFICO INADEMPIMENTO DATORIALE

Con la sentenza n. 32714/2018, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in caso di infortunio sul lavoro, la pretesa risarcitoria del lavoratore non può pertanto attenere ad un inadempimento generico, ma deve essere riconducibile ad un inadempimento qualificato e specifico ovvero astrattamente efficiente alla produzione del danno (nel caso specifico trattasi di inadempimento connesso agli obblighi contrattuali in materia di sicurezza sul lavoro).



Iscriviti alla newsletter


Dichiaro di aver preso visione dell’INFORMATIVA SULLA PRIVACY e autorizzo il trattamento dei miei dati personali

© 2016 Studio Paserio | Privacy Policy | Credits