Area riservata

Inserire username e password per accedere all'area privata

o se sei un un nuovo utente, clicca qui per registrarti

Minimo 5 caratteri

Minimo 8 caratteri

PIANO DI WELFARE: REGOLAMENTO, SÌ!

12 febbraio 2019

Con la Risposta ad Interpello n. 10/E del 25 gennaio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che un regolamento aziendale che configuri un obbligo c.d. “negoziale” risulta idoneo all’introduzione di un piano di welfare cui si accompagni la deduzione dei costi al fine della determinazione del reddito d’impresa.

CHE COS’È L’OBBLIGO NEGOZIALE

A seguito dell’emanazione della Circolare n. 5/E/2018 da parte dell’Agenzia delle Entrate, tenuto conto del tenore letterale delle indicazioni ivi contenute, l’interpretazione era stata di molto irrigidita rispetto alla possibilità di adottare dei piani di welfare con costi interamente deducibili: sembrava ci volesse tassativamente una contrattazione di secondo livello.

Invece, con la recente Risposta ad interpello, è stato chiarito che il regolamento aziendale, purché rappresentativo di un obbligo negoziale, rappresenta uno strumento idoneo all’adozione di un piano di welfare interamente deducibile.

Quali sono le caratteristiche che deve avere un regolamento per essere caratterizzato da obbligo negoziale?

  • LA NATURA CONTRATTUALE: il regolamento con obbligo negoziale è un documento che, anche se unilateralmente predisposto dal datore di lavoro, è vincolante per lo stesso per tutta la sua durata temporale indicata. L’adozione di un documento con queste caratteristiche assume natura di impegno contrattuale e, come conseguenza, fonte di obbligo negoziale;
  • GLI IMPEGNI DELLE PARTI: una volta che il lavoratore ha manifestato la volontà di usufruire dei benefit indicati nel regolamento, si producono automaticamente diritti e obblighi a carico delle Parti; nello specifico, ciascun Lavoratore beneficiario aderendo all’offerta di servizi acquista la titolarità di un diritto soggettivo al quale è correlato l’obbligo di adempiere da parte del datore di lavoro rispetto a quanto stabilito nel Regolamento;
  • LA DURATA: i regolamenti hanno generalmente una scadenza. Ne deriva che le Parti coinvolte risultano impegnate fino allo spirare del termine oppure salvo disdetta.

LA DEDUCIBILITÀ

Stante la conclamata negozialità, i costi relativi ai benefit riconosciuti alla totalità dei lavoratori o a categorie omogenee di lavoratori nell’ambito del regolamento che istituisce il piano di welfare aziendale sono interamente deducibili senza incorrere nella limitazione del 5 per mille dell’ammontare delle spese per prestazioni di lavoro dipendente risultante dalla dichiarazione dei redditi.



Iscriviti alla newsletter


Dichiaro di aver preso visione dell’INFORMATIVA SULLA PRIVACY e autorizzo il trattamento dei miei dati personali

© 2016 Studio Paserio | Privacy Policy | Credits