Area riservata

Inserire username e password per accedere all'area privata

o se sei un un nuovo utente, clicca qui per registrarti

Minimo 5 caratteri

Minimo 8 caratteri

GIOVANI ECCELLENZE: AGEVOLAZIONI ALL’ASSUNZIONE DI LAUREATI

15 gennaio 2019

Con la Legge di Bilancio 2019 è stato previsto un nuovo incentivo di natura contributiva per i datori di lavoro privati che assumono giovani laureati o dottori di ricerca.

LE CARATTERISTICHE DELL’INCENTIVO

L’incentivo consiste nell’esonero, per 12 mesi, dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con il limite massimo di 8.000 euro.

In attesa della circolare INPS con i dettagli tecnici per l’applicazione dell’incentivo, riepiloghiamo le principali caratteristiche dell’incentivo:

  • riferito ad assunzione a tempo indeterminato di giovani fino a 30 anni (29 anni e 364 giorni) anche part time effettuate tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2019;
  • il giovane deve essere in possesso di laurea magistrale ottenuta nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110 e lode ottenuta presso Università statale o non statale legalmente riconosciuta e con una media compresa tra 108 e 110. Il titolo di studio deve essere stato acquisito entro la “durata legale del corso di studi” (ovvero senza andare “fuori corso”).

In alternativa, deve aver acquisito il titolo di dottore di ricerca prima del compimento dei 34 anni.

Per le assunzioni a tempo parziale l’importo massimo dell’incentivo è proporzionalmente ridotto.

L’incentivo è altresì spettante in caso di trasformazione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato.

Inoltre, non è possibile l’applicazione dell’incentivo per quei datori di lavoro che:

  • nei 12 mesi precedenti l’assunzione abbiano effettuato licenziamenti per GMO ovvero licenziamenti collettivi nella medesima unità produttiva interessata all’assunzione;
  • nei 24 mesi successivi hanno proceduto al licenziamento per GMO del lavoratore agevolato o di altro lavoratore con la stessa qualifica e nella medesima unità produttiva (in questo caso di ha la revoca dell’esonero e il recupero del beneficio fruito).

L’incentivo rientra nel campo di applicazione del de minimis e potrà essere fruito in maniera parziale da più datori di lavoro in caso di rapporti di lavoro successivi, nel rispetto dell’importo massimo.



Iscriviti alla newsletter


Dichiaro di aver preso visione dell’INFORMATIVA SULLA PRIVACY e autorizzo il trattamento dei miei dati personali

© 2016 Studio Paserio | Privacy Policy | Credits